Piccoli e semplici trucchi per rivoluzionare l’aspetto della propria casa

Sono sufficienti pochi e semplici trucchi per svecchiare la propria casa e renderla più attraente per i possibili acquirenti. le nostre collaboratrici dell’associazione italiana home stager ci spiegano come dare nuovo aspetto ad uno degli ambienti più importanti della casa: la cucina.

Sono i piccoli trucchi e le grandi idee che fanno tutta la differenza. questo, lo Dimostra Loredana Bonsignore, home stager associata a staged homes, con sede a palermo, nei suoi ultimi progetti. piena di idee, coraggio e spirito d’iniziativa, rivoluziona le case che le vengono affidate.

Recentemente a Palermo un proprietario aveva intenzione di buttare la cucina acquistata negli anni ’80, pur essendo ancora in buone condizioni… quando bastava rilanciarla, vederla con altri occhi, e svecchiarla. con una spesa minima, Loredana ha completamente rivoluzionato l’aspetto della cucina:

 

homestaging1_6

homestaging2_6

Come preparare una casa per le vacanze e affittarla in breve tempo

Preparare una casa per le vacanze,e affittarla in breve tempo è sicuramente meglio di lasciarle abbandonate o poco curate.

 

infatti le case per le vacanze sono spesso le cenerentole della situazione, più di un proprietario le tratta infatti come delle abitazioni di serie b, in cui finiscono mobili di recupero o vecchi oggetti impresentabili. ma oggi più che mai è importante sfruttare al meglio le seconde case come fonte di reddito, per far fronte alle spese e alla crisi. i nostri amici dell’associazione italiana home stager ci presentano un caso pratico in cui con un piccolo investimento e delle buone idee è possibile ribaltare la situazione  lo staging è sbarcato a palermo, grazie alla prima associata siciliana di staged homes, loredana bonsignore. riportiamo in seguito un suo recente intervento realizzato su una casa vacanze situata nel centro di palermo  la nicchia “case vacanze” non si sta affermando solo al sud, la richiesta è infatti già molto forte in tutto il paese – così forte che “l’hotel staging” sarà uno dei temi discussi alla conferenza gratuita di home staging in programma il 17 aprile a milano. per iscriversi gratuitamente, cliccare qui.  l’intervento di loredana ha portato le prime prenotazioni solo pochi giorni dopo l’inserimento della casa vacanze sul mercato. in un contesto come il centro di palermo, dove il mercato è molto competitivo e l’offerta è già molto ampia, come ha fatto il suo intervento ad avere un esito così positivo? mettiamoci nei panni del cliente… luce, stile, comfort, comodità, alta funzionalità, originalità, stimoli – e tutto questo ad un prezzo competitivo. chiedono troppo? non a chi è in grado di valorizzare uno spazio con un investimento minimo e idee brillanti!  breve analisi del progetto:  in primis, l’opera di loredana valorizza gli spazi a disposizione, sfruttando la luce e le caratteristiche architettoniche. soluzioni salva-spazio, come la porta pieghevole del salotto, che nasconde un ripostiglio, creano un’atmosfera leggera senza compromettere gli spazi di deposito necessari in questa tipologia di abitazione. l’immobile dai toni chiari e luminosi, le pareti bianche, e il pavimento grigio chiaro, viene reso interessante dal gioco di colori creato dalla stager – colori accoppiati, contrastanti sul bianco – nel salotto, il rosso e il nero creano il giusto sfondo per i vari quadri “pop art”

soggiorno_dopo_0

nella camera da letto, il viola crea un’atmosfera di tranquillità e relax. per gli spazi meno ampi sono stati scelti mobili di piccole dimensioni come nella cucina. la camera da letto invece, viene visualmente allargata da uno specchio piazzato sul muro laterale

stanza_0

 

 

PRIMA

prima

 DOPO

dopo

 

offrendo un ampio “storage” mentre si accosta discretamente al muro, il mobile tv diventa un elemento pratico ed estetico, che lascia comunque spazio a due tavolini da caffè

l’arte di preparare una casa per la vendita o per l’affitto, anche per brevi periodi come qui nel nostro esempio di “hotel staging”, significa la messa in scena dell’immobile, mantenendo un insieme armonioso

tramite un filo conduttore, in questo caso il colore, vengono collegati i vari elementi che fanno parte dell’ambiente. un progetto vivace come il centro di palermo, e la sua stager!

dopo l’intervento, l’immobile “mira5” è stato affittato immediatamente. un investimento unico e contenuto che garantisce al proprietario un ritorno sostenibile

vuoi diventare uno/a stager anche tu?
 contatta l’associazione italiana home stager a info@stagedhomes.it che ti saprà dare consigli sia sulla formazione giusta per te, sia su come lanciare la tua attività.

Hanno parlato di noi su HABEMUS CASA:

Schermata 2013-10-02 a 17.31.00

Il ritocco che fa vendere

Grazie a dei ritocchi tempi delle transazioni si riducono notevolmente: negli Usa da 182 a 37 giorni

Si scrive home stager, si legge “agevolatore immobiliare“, ovvero un professionista capace di rendere più attraente una casa in vendita, aumentandone il valore con pochi interventi.
La figura dell’home stager, presente da circavent’anni in Inghilterra, in Canada e negli Stati Uniti, arriva adesso sul mercato immobiliare italiano: «Le case in vendita in Italia – spiega Amy Lentini, presidente dell’associazione nazionale Staged Homes – sono trascurate, ma chi le vende non ha intenzione di spendere soldi per una ristrutturazione. Spesso però possono bastare alcuni piccoli interventi per cambiare il volto di un’abitazione».

Qui entra in gioco l’home stager: il suo ruolo non è quello di apportare modifiche durature e strutturali, ma quello di “allestire” la casa per le visite dei potenziali clienti. «Il trucco principale – spiega Amy Lentini – è quello di non nascondere gli aspetti negativi ma di valorizzarne quelli positivi per far cadere l’attenzione dell’acquirente sui pregi dell’immobile». Un colpo d’occhio fondamentale, se si pensa che secondo alcuni studi americani la decisione di acquistare o meno una casa viene presa nei primi 90 secondi.

 

Articolo-IlSole24Ore-26.02.2011

Gli interventi dello stager sono essenzialmente cinque:
Sgomberare l’appartamento dal superfluo per far apparire più spaziosa la casa;
Spersonalizzare l’immobile rendendolo più neutro;
Riparare eventuali danni presenti nella casa;
Pulire a fondo ogni angolo;
Decorare l’appartamento studiando la corretta disposizione dei mobili, i colori più adeguati per tessili e pareti, gli accessori più giusti per valorizzare la casa.

Piccoli trucchi che – secondo le statistiche americane – permettono di far salire il prezzo di vendita e di concludere l’affare in meno tempo. «Mediamente – spiegano dall’associazione Staged Homes – l’intervento di uno stager costa tra i 300 e i 400 euro. A fronte di questa spesa il prezzo finale di vendita sale di 1.500-2.000 euro».
Il vantaggio non è solo del venditore ma anche dell’agente immobiliare, che può richiedere la collaborazione di uno stager o addirittura decidere di offrire tale servizio tra quelli forniti dall’agenzia. Secondo gli ultimi dati sull’home staging provenienti dagli Usa, una casa non allestita resta sul mercato per 182 giorni, mentre un appartamento curato da uno stager si vende mediamente in 37 giorni.

LE PRIORITÀ

L’obiettivo nonè nascondere i difetti ma valorizzare i pregi in modo che i clienti focalizzino l’attenzione sui particolari positivi.

 

Ma a sorprendere ancora di più è il dato relativo al prezzo di vendita degli immobili in America: dopo le prime quattro settimane sul mercato, secondo le stime della National association of realtors, il prezzo scende. In particolare, il costo della casa cala del 4% tra la quinta e la dodicesima settimana, del 6% fino alla ventiquattresima
settimana e del 10% oltre i sei mesi dalla messa in vendita. A fronte di questa diminuzione del valore, i proprietari di casa statunitensi sono corsi ai ripari ingaggiando uno stager.
Lo stesso potrebbe succedere in Italia, dove intanto fioccano i corsi di formazione (sia di base che di approfondimento) organizzati su tutto il territorio nazionale. I partecipanti sono architetti, designer, agenti immobiliari o semplici appassionati di arredamento d’interni. Il loro lavoro consiste nel visitare un appartamento, individuarne (e fotografarne) i punti deboli e quelli di forza, e stilare un progetto degli interventi da eseguire. A quel punto il cliente potrà scegliere se pagare la consulenza allo stager (in genere di circa 300 euro) e mettere in pratica
da solo i consigli dell’esperto, oppure se affidare a lui i lavori (in questo caso il costo dipenderà dallo stato dell’immobile). In genere, comunque, non si superano i 1.500 euro.

Home Staging è innovazione pratica ed economica

Home staging è innovazione

Amy Lentini, Presidente dell’Associazione Italiana Home Stager www.stagedhomes.it è un’americana pioniera in Italia della diffusione del concetto di Home Staging. Oggi, a distanza di cinque anni da questa sua pervicace convinzione possiamo affermare che aveva ragione… e l’Home Staging è arrivato anche in Sicilia. Ecco cosa ci diceva già allora…

L’Home Staging è un’innovazione pratica ed economica che aiuta a vendere o affittare case in tempo minore e, qualche volta anche a prezzi superiori alla richiesta. perché? perché le proprietà che hanno ricevuto un servizio di home staging si distinguono dalle altre ed i compratori ne sono attratti immediatamente.

 

1

l’home staging è riconosciuto ed il mercato ne ha capito i vantaggi. Il pubblico è con noi perché l’home staging è l’unica innovazione valida che sia stata proposta dall’inizio della crisi. la presidente dell’Associazione Italiana Home Stagers, Amy Lentini, ci spiega perché le proprietà che hanno ricevuto un servizio di home staging si distinguono dalle altre ed i compratori ne sono attratti immediatamente.

2

Nonostante oggi il mercato sia inondato da migliaia di case in vendita, la maggior parte non sono vendibili. Perché? perché le proprietà sono indistinguibili e mal gestite: che se ne occupino agenzie immobiliari o privati,  restano invendute sul mercato per periodi ingiustamente prolungati. Migliaia sono gli annunci poco interessanti, migliaia le foto di bassa qualità, e migliaia gli annunci privi di immagini. noi sappiamo che un annuncio ben scritto ed accompagnato da foto di buona qualità, attrae compratori ed affittuari

questo dimostra che il mercato risponde a proprietà preparate, fotografate e gestite professionalmente perché si contraddistinguono dalle altre. le case che hanno ricevuto un intervento di home staging vengono fotografate in modo da attrarre immediatamente l’occhio del compratore e poi pubblicizzate. Solo gli annunci preparati con cura vengono considerati seriamente.”

 

Come trasformare un limite nel punto forte di una casa

A volte trasformare un limite nel punto forte di una casa può essere un vantaggio, lo sanno bene i nostri collaboratori dell’associazione italiana home stager che ci spiegano come utilizzare stencil e murali per rendere la parete un elemento accattivante e interessante

le pareti naturalmente limitano uno spazio e ne definiscono i confini. con alcuni trucchi si riesce a integrare questo confine nell’ambiente, creando un insieme fluido. mentre un poster che copre tutta una parete è sicuramente di alto impatto, spesso per un intervento di home staging si scelgono delle soluzioni più discrete – ricordiamoci che la casa staged, dev’essere sicuramente di impatto ma senza esagerare, in quanto vuole piacere al maggior numero possibile di eventuali acquirenti

in seguito alcune soluzioni trovate dagli stager associati all’associazione italiana home stager

stefano giovannini di verona ha preparato un disegno di un murale con foglie che integra il pensile nella nicchia con l’altra parete. aggiunge movimento all’ambiente e lo rende automaticamente più dinamico

nel prossimo esempio, realizzato da loredana bonsignore, stager associata di palermo, vediamo come una parete bianca diventa un grande spartito musicale. data la combinazione di nero e bianco, l’allestimento non ingombra lo spazio ma rende lo sfondo interessante e crea un ambiente incantevole!

una soluzione più “soft” è stata trovata in questo caso, in cui uno specchio viene circondato da adesivi a forma di rose, ripetute anche sui cuscini. in questo modo, le rose diventano il filo conduttore dell’ambiente, e un muro bianco clinico prende forma e profondità

a volte basta veramente poco per ottenere un grande risultato. questa la filosofia dello staging che vediamo molto in linea con le esigenze e la mentalità dei clienti di oggi. una condizione creata da questo clima economico, risultato di un’emergenza. questo però, ci porta a mettere in campo ciò che sappiamo fare meglio in assoluto: è il momento di dare sfogo all’arte dell’arrangiarsi

e non senza motivo, gli americani, ideatori dell’home staging, dicono che “the sky is the limit” e non “the wall is the limit”!

per maggiori informazioni sull’home staging, non esitate a scrivermi tramite il form contatti oppure visitate www.stagedhomes.it